attività educative e promozionali

attività educative e promozionali

La Commissione Europea promuove dal 2005 La Notte dei Ricercatori – The Researchers' Night. A fine settembre sono quindi previsti diversi eventi promozionali sia a livello europeo che locale, destinati all’affermazione della ricerca, dei ricercatori e del loro ruolo nella società. In questo contesto, lo Slori organizza, fin dal 2006, una serie di iniziative volte alla promozione delle attività di ricerca e della professione del ricercatore nel settore delle scienze sociali.

 

Iniziative in occasione della Notte europea dei ricercatori  - The researchers’ Night 2015

Le giornate della ricerca 2015

Lunedì 14 settembre è iniziata la decima edizione dei laboratori di ricerca 2015 con gli alunni delle terze classi delle scuole medie inferiori “I. Cankar” di San Giacomo e “Sv. Ciril in Metod” di Cattinara, condotta dalla ricercatrice Norina Bogatec. Gli alunni hanno partecipato alla IV edizione di TRIESTE NEXT sul tema dei flussi migratori nella società odierna, dal titolo BIOlogos - The Future of Life. La presentazione si è svolta venerdì 25 settembre alle ore 10 presso l’Auditorium del Museo Revoltella a Trieste (Via Diaz 27).

Le giornate della ricerca 2014

Gli studenti della III media inferiore della scuola bilingue di San Pietro al Natisone hanno portato a termine il progetto di ricerca ''La tecnologia e noi'' svolto durante i laboratori di ricerca 2014. Il gruppo dei “giovani ricercatori” ha svolto la ricerca sotto la guida della ricercatrice Norina Bogatec.

Iniziative in occasione della Notte europea dei ricercatori  - The researchers’ Night 2013

Laboratori di ricerca "Acqua per tutti, tutti per l’acqua"

Un gruppo di studenti della terza classe della scuola secondaria di primo grado “Ivan Trinko” di Gorizia ha dato questo titolo al compito di ricerca che ha svolto in occasione dei laboratori di ricerca 2013. Il tema corrispondeva ai contenuti della seconda edizione di Trieste NEXT – Salone europeo dell’innovazione e della ricerca scientifica, che con il titolo Water WISE ha voluto esporre l’importanza fondamentale dell’acqua.

Ai laboratori di ricerca ha collaborato Nevenka Ražman dell’Istituto per la tutela sanitaria di Capodistria (Zavod za zdravstveno varstvo Koper), che ha introdotto i ragazzi nel mondo dell’acqua, consegnando loro il materiale riferito al tema. In base alle informazioni acquisite i giovani ricercatori, sotto la guida della ricercatrice Norina Bogatec, hanno predisposto un questionario poi somministrato agli alunni delle tre classi della scuola goriziana. Gli studenti hanno poi introdotto i dati così ottenuti nel computer, li hanno elaborati, presentando i risultati graficamente e analizzandoli a fondo. I risultati del lavoro di ricerca sono poi stati presentati venerdì, 27 settembre, in Piazza Unità nell’ambito del progetto interregionale NEAR - North East Researcher’s Night, organizzato dalle Università e da alcuni enti scientifici di Trieste, Udine, Gorizia, Padova e Verona.

Giornata della ricerca 2013

Le iniziative dello SLORI in occasione della Notte dei ricercatori 2013 si sono concluse con la Giornata della ricerca 2013, svoltasi venerdì, 27 settembre 2013 alle ore 16, presso il Narodni dom di Trieste, in collaborazione con l’Ufficio della Repubblica di Slovenia per gli sloveni d’oltreconfine e all’estero. Al saluto introduttivo degli organizzatori è seguita la premiazione nell’ambito del Concorso SLORI 2013 per tesi di laurea e post-laurea. In seguito, la ricercatrice Maja Mezgec ha presentato i risultati del progetto Banca del sapere, con cui l’istituto vuole contribuire a far conoscere e orientare il potenziale intellettuale degli sloveni in Italia. Il pomeriggio si è poi concluso con la tavola rotonda “La circolazione dei cervelli nella società contemporanea: necessità o sfida? Testimonianze dei giovani ricercatori sloveni della provincia di Trieste”, alla quale hanno partecipato il politologo dell’Università della Danimarca meridionale Igor Guardiancich, Marija Mamolo, esperta di demografia dell’Istituto italiano di statistica e Robert Volčič, neuroscienziato presso l’Istituto italiano di tecnologia a Rovereto. Durante il dibattito sulla posizione attuale dei ricercatori in Italia, Slovenia ed Europa, i presenti hanno esposto in particolare le proprie opinioni sull’attuale problema della “fuga di cervelli”. La parte finale della tavola rotonda è stata moderata da Devan Jagodic, direttore dello SLORI.


Le giornate della ricerca 2012

Dal 10 al 14 settembre si sono svolti presso la scuola secondaria di I° grado con lingua di insegnamento slovena di Opicina gli ormai tradizionali laboratori di ricerca che lo Slori organizza per il settimo anno consecutivo in occasione della Notte europea dei ricercatori - The researchers' Night. L’obiettivo dei laboratori è promuovere l’attività di ricerca tra le giovani generazioni attraverso la realizzazione di un concreto progetto di ricerca: gli alunni svolgono una breve indagine conoscitiva e nell’ambito dei laboratori apprendono le tecniche e i metodi della ricerca empirica.

La novità di quest’anno riguarda la partecipazione all’iniziativa TRIESTE NEXT Salone Europeo dell’Innovazione e della Ricerca Scientifica, organizzato dal Comune e dall’Università di Trieste, assieme a Nordesteuropa Editore e in collaborazione con la Camera di Commercio di Trieste, il Comitato per “Venezia Nordest Capitale Europea della Cultura 2019”, la Fondazione CRTrieste, la Provincia di Trieste e la Regione FVG, svoltosi a Trieste dal 28 al 30 settembre. Il tema prescelto per questa prima edizione di TRIESTE NEXT è Save the food, volendo con ciò  evidenziare l’importanza della sana alimentazione tra tradizione e innovazione. 

Le giornate della ricerca 2011

I laboratori di ricerca 2011 si sono svolti dal 26 al 30 settembre a San Pietro al Natisone e hanno visto la partecipazione degli alunni della 3a classe della scuola secondaria di I° grado, che hanno svolto, utilizzando un questionario, una breve indagine conoscitiva sui passatempi e sui videogiochi più amati tra i ragazzi della scuola di San Pietro al Natisone. Il lavoro nei laboratori si è svolto a gruppi. Dopo un’introduzione volta a far conoscere i principali strumenti di ricerca, gli alunni hanno definito i contenuti della ricerca ed elaborato un questionario, somministrandolo poi agli alunni della 3a, 4a e 5a classe della scuola primaria, nonché agli alunni della 1a e 2a classe della scuola secondaria di I° grado. In totale hanno effettuato 93 interviste.

I giovani ricercatori hanno inserito i dati raccolti nel computer per elaborarli, rappresentarli graficamente e analizzarli. Hanno poi predisposto una relazione sui risultati per presentarli infine pubblicamente ai ragazzi intervistati e ai loro insegnanti.

In occasione della Notte Europea dei Ricercatori 2011, l’evento centrale organizzato dallo Slori in collaborazione con il Centro culturale sloveno Planika, con il patrocinio del Comune di Tarvisio, del Comune di Malborghetto-Valbruna e della Comunità montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale, è stata una tavola rotonda dal titolo Lo stato e le prospettive della ricerca nella Val Canale e nel più ampio spazio dei tre confini tra Italia, Austria e Slovenia. Lo scopo dell’iniziativa è stato quello di promuovere la ricca e varia attività di ricerca che negli ultimi anni si sta sviluppando attorno ad un ambiente culturalmente particolare e linguisticamente plurale come quello della Val Canale; particolare attenzione è stata rivolta alla ricerca riguardante i processi e le dinamiche che caratterizzano la comunità slovenofona qui insediata. Alla tavola rotonda hanno partecipato: la moderatrice Nataša Gliha Komac (Istituto per la lingua slovena Fran Ramovš ZRC SAZU di Lubiana, Università di Lubiana, SLORI), Boris Jesih (Ufficio governativo della Repubblica di Slovenia per gli sloveni all’estero), Andrej Kranjc (Accademia slovena della scienza e dell’arte SAZU), Marko Snoj (IStituo per la lingua slovena Fran Ramovš ZRC SAZU di Lubiana), Janez Stergar e Danijel Grafenauer (Istituto per gli studi etnici di Lubiana), Irena Lačen Benedičič (museo Gornjesavski muzej, Jesenice), Milan Bufon (SLORI), Roberto Dapit (Università degli Studi di Udine), Vincenc Rajšp (Istituto scientifico sloveno di Vienna), Martina Piko-Rustia (Istituto Urban Jarnik di Klagenfurt), Monica Tallone (Società Filologica Friulana), Alfredo Sandrini (Kanaltaler Kulturverein), Renato Carlantoni (Comune di Tarvisio), Alessandro Oman (Comune di Malborghetto-Valbruna), Gianni Verona (Comunità montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale), Antonio Pasquariello (Istituto Omnicomprensivo I. Bachmann di Tarvisio) e Francesca Comello (Open Leader scarl).

Le giornate della ricerca 2010

Nel 2010, gli ormai quasi tradizionali laboratori di ricerca nell’ambito della Notte dei Ricercatori si sono svolti presso la scuola secondaria di I° grado con lingua di insegnamento slovena di Doberdò dal 20 al 24 settembre. Erano destinati agli iscritti al terzo anno, i quali hanno studiato come gli alunni di tutta la scuola passano il proprio tempo libero e a quali attività extrascolastiche si dedicano.

Il lavoro nei laboratori si è svolto a gruppi. Dopo un’introduzione volta a far conoscere i principali strumenti di ricerca, gli alunni hanno definito il concetto di tempo libero e i contenuti della ricerca. Hanno poi elaborato un questionario, somministrandolo agli alunni delle altre classi. In seguito hanno inserito i dati raccolti nel computer per elaborarli, rappresentarli graficamente e analizzarli. Hanno poi predisposto una relazione sui risultati, presentandoli infine pubblicamente ai ragazzi intervistati e ai loro insegnanti.



attività educative e promozionali

Le giornate della ricerca 2009

Dal 15 al 26 settembre, nell’ambito della Notte dei Ricercatori 2009, lo Slori ha organizzato dei laboratori di ricerca sui social network, destinati agli studenti dei licei delle scienze sociali sloveni di Trieste e Gorizia. Hanno collaborato all’iniziativa i professori di tali scuole e l’esperto Enrico Marchetto dell’Università di Milano, mentre la Banca di Credito Cooperativo del Carso ZKB e la Società finanziaria - Finančna družba KB1909 hanno finanziato il trasporto degli studenti da Trieste a Gorizia e viceversa. Nell’ambito dei laboratori, i “futuri sociologi” hanno svolto un’indagine dal titolo La rete poggia sui giovani, somministrando un questionario agli studenti di tutte le scuole secondarie di secondo grado di Trieste e Gorizia. Questi hanno poi partecipato alle presentazioni dei risultati della ricerca, svoltesi nel Narodni dom di Trieste e nell’Auditorium del centro scolastico di Gorizia il 26 e il 27 settembre. Lo Slovenski klub ha dedicato all’iniziativa una delle proprie tradizionali serate del martedì, che hanno visto la partecipazione del dott. Gregor Petrič e di Andraž Petrovčič del Centro per la metodologia e l’informatica della Facoltà delle scienze sociali dell’Università di Lubiana.


La settimana della ricerca 2008

A causa del ricco programma, nel2008 l’iniziativa si è ingrandita, diventando la Settimana della ricerca, svoltasi da lunedì, 22 settembre, a venerdì, 26 settembre 2008, a San Pietro al Natisone, Gorizia e Trieste con una serie di eventi dedicati al pubblico più ampio. Lo scopo era promuovere l’attività di ricerca presso la comunità slovena in Italia e il suo ruolo nella società.

Il programma della Settimana della ricerca prevedeva:

- Lunedì, 22 settembre 2008, alle 17.30

Introduzione alla Settimana della ricerca con la premiazione dei vincitori del concorso indetto dallo Slori per tesi di laurea e di dottorato per l’anno 2008. A San Pietro al Natisone, aula dell’Istituto per la cultura slovena, Slovenski kulturni center - Centro culturale sloveno, Via Alpe Adria 69

- Presentazione della pubblicazione PRE-MISLITI MANJŠINO (Ri-pensare la minoranza) e dibattito su temi di attualità della comunità nazionale slovena in Italia.

Lunedì, 22 settembre 2008, alle 17.30, a San Pietro al Natisone, aula dell’Istituto per la cultura slovena, Slovenski kulturni center - Centro culturale sloveno, Via Alpe Adria 69

Martedì, 23 settembre 2008, alle 18.00, a Gorizia – Auditorium del centro scolastico, Via Puccini 14

Mercoledì, 24 settembre 2008, alle 18.00, a Trieste – sala della Banca di Credito Cooperativo del Carso - Zadružna kraška banka di Opicina, Via del Ricreatorio 2

- Venerdì, 26 settembre 2008, alle 11.00, nella sala Millo a Muggia, Piazza della Repubblica 4

Conferenza stampa e presentazione della pubblicazione e del sito internet Vabilo k spoznavanju manjšin. Slovenska narodna skupnost v Italiji ter Italijanska narodna skupnost v Sloveniji in na Hrvaškem se predstavljata / Invito a conoscere le minoranze. La Comunità Nazionale Italiana in Slovenia e Croazia e la Comunità Nazionale Slovena in Italia si presentano, realizzata nell’ambito del progetto MI.MA. Le maggioranze conoscono le minoranze, cofinanziato dal Programma Interreg IIIA Italia-Slovenia 2000-2006. Organizzazione: Slori e Unione Italiana.

- Durante La settimana della Ricerca, presso la scuola bilingue di San Pietro al Natisone, si sono svolti laboratori di ricerca destinati agli alunni delle scuole secondarie di I° grado.

Le giornate della ricerca 2007

Venerdì 28 settembre 2007, dalle 11.00 fino a sera, si è svolta la Giornata dei Ricercatori, stavolta a Gorizia. L’obiettivo dell’iniziativa era promuovere l’attività di ricerca presso la comunità nazionale slovena in Italia e il suo ruolo nella società. Lo Slori desiderava dare risalto all’importanza della ricerca in ambito sociologico e far conoscere i propri sforzi rivolti alla crescita intellettuale dei giovani. Per questo motivo, il programma della mattinata era destinato soprattutto agli studenti delle scuole secondarie di II° grado, mentre il pomeriggio era rivolto al pubblico più ampio.

Il programma della mattina, elaborato congiuntamente dallo Slori e dal liceo delle scienze sociali sloveno S. Gregorčič di Gorizia, prevedeva la presentazione del progetto di ricerca I giovani e la violenza, una tesi di ricerca sulle forme e sulla diffusione della violenza tra i giovani, oltre che sugli enti che si occupano di comunicazione non violenta e offrono sostegno alle vittime di violenza.

L’intero lavoro di ricerca stato svolto da un gruppo di studenti del III° anno del liceo delle scienze sociali, sotto la supervisione di alcuni professori e di alcuni ricercatori dello Slori. I lavori sono iniziati lunedì 17 settembre 2007, mentre i risultati dell’indagine sono stati presentati venerdì 28 settembre alle 11.00 nell’Auditorium delle scuole superiori slovene di Gorizia.

Anche il programma pomeridiano si è svolto nell’Auditorium, con inizio alle 16.00, quando sono stati consegnati i premi del concorso indetto dallo Slori per tesi di laurea e di dottorato per l’anno 2007.

Infine, alle 17.00, i ricercatori dello Slori hanno presentato i seguenti interventi:

- Devan Jagodic 'Ohranjanje in opuš?anje rabe jezika pri slovenski jezikovni skupnosti na Tržaškem: prikaz rezultatov empiri?ne raziskave' (La preservazione e l’abbandono dell’uso della lingua nella comunità slovena di Trieste: presentazione dei risultati di un’indagine empirica)

- Maja Mezgec 'Funkcionalna pismenost in manjšinski jezik: primer slovenske manjšine v Italiji' (Alfabetismo funzionale e lingua minoritaria: il caso della minoranza slovena in Italia)

- Suzana Pertot 'V imenu očeta: transgeneracijski prenos jezika in identitete po moški liniji' (Nel nome del padre: trasmissione transgenerazionale della lingua e dell’identità secondo la linea maschile)

- Norina Bogatec 'Večetnični razredi na manjšinskih in večinskih šolah' (Classi multietniche in scuole minoritarie e maggioritarie)

- Zaira Vidali 'Projekt MI.MA. Ve?ine spoznavajo manjšine. Predstavitev rezultatov' (Progetto MI.MA. Le maggioranze conoscono le minoranze. Presentazione dei risultati)

È seguita poi una tavola rotonda con interventi introduttivi dei presidenti provinciali di SSO-COO ed SKGZ-UCES, Janez Povše e Livio Semolič, e del presidente dello SLOV.I.K. Boris Peric sulle linee guida, forme e prospettive dell’attività di ricerca nella provincia di Gorizia e nell’area transfrontaliera goriziana.

Le giornate della ricerca 2006

Dall’11 settembre 2006 si è svolto un progetto in collaborazione con gli studenti e i professori del III° anno del liceo delle scienze sociali sloveno A. M. Slomšek dal titolo Uso e abuso della telefonia mobile e di internet. In base alle lezioni introduttive sullo sviluppo di internet e dei telefoni cellulari, oltre che della pedofilia come fenomeno con cui i bambini o i giovani possono entrare in contatto attraverso la rete, gli studenti hanno predisposto autonomamente un questionario. Hanno poi verificato, tra gli studenti del I° e II° anno delle scuole secondarie di secondo grado con lingua d’insegnamento slovena, la frequenza e la modalità di utilizzo dei servizi di telefonia mobile e della rete, oltre che il livello di dimestichezza con il fenomeno della pedofilia. Il progetto si è svolto in forma di lavoro di gruppo sotto la supervisione di alcune ricercatrici dello Slori, per consentire agli studenti di sperimentarsi nel ruolo del ricercatore e di partecipare attivamente a tutte le fasi della ricerca. Il 22 settembre, alle ore 9.30, nel Narodni dom di Trieste, gli studenti hanno presentato i risultati del proprio lavoro agli studenti intervistati dei primi due anni, ai professori e ai docenti che hanno trasmesso loro le conoscenze teoriche. Questa presentazione ha rappresentato la fase conclusiva del progetto, durante la quale i giovani ricercatori hanno esposto le proprie conclusioni, dibattendone poi con i partecipanti.

La parte pomeridiana dell’Open Day (nella sala Gregorčič dalle ore 16.) era dedicata agli studenti universitari di scienze sociali e umanistiche. Gli organizzatori hanno pensato di offrire loro la possibilità di un dialogo diretto con alcuni docenti sul tema Tesi o tisi di laurea?. La compilazione della tesi di laurea rappresenta, infatti, un momento importante per lo studente universitario, che può essere vissuto come una positiva esperienza di ricerca, in cui si possono assumere, per un tempo limitato, le vesti di ricercatore. IN tale occasione, i docenti Igor Jelen, Miran Košuta, Emidij Susič, Ivan Verč e Marta Verginella hanno parlato dei possibili approcci metodologici, dei contenuti delle ricerche e delle migliori modalità di reperimento del materiale e della letteratura; un momento davvero particolare è stato quello dedicato alle domande degli studenti.

Le porte dell’Istituto Sloveno di Ricerche sono rimaste aperte dalla 9. del mattino, mentre nelle ore serali si è svolto un incontro di socialità.

attività educative e promozionali
Progetti
SM(e)JseEDUKA2 Per una governance transfrontaliera dell’istruzioneLaboratori di ricerca 2006 - 2016PROGETTO DI MONITORAGGIO DELLE CARATTERISTICHE LINGUISTICHE DELLA POPOLAZIONE DELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLE PROVINCE DI TRIESTE E GORIZIA E DELL’ISTITUTO COMPRENSIVO BILINGUE DI SAN PIETRO AL NATISONERicerca sul paesaggio linguistico nell’area di insediamento della comunità slovena in ItaliaBanca del sapereEDUKA – EDUCARE ALLA DIVERSITÀ / VZGAJATI K RAZLIČNOSTILEX – ANALISI, APPLICAZIONE E SVILUPPO DELLA TUTELA DELLE MINORANZE IN ITALIA E SLOVENIAPercorsi educativi e occupazionali dei giovani nell'area transfrontalieraMi.Ma. - Le maggioranze conoscono le minoranze